Progetto
ACQUACOLTURA SOSTENIBILE NEGLI ECOSISTEMI DI MANGROVIE

Impegno internazionale

ACQUACOLTURA SOSTENIBILE NEGLI ECOSISTEMI DI MANGROVIE

Le foreste di mangrovie delle coste tropicali sono tra gli ecosistemi più importanti e produttivi della terra. Grazie al loro immenso potenziale di stoccaggio del carbonio e alla loro funzione di scudo contro condizioni meteorologiche estreme, giocano un ruolo centrale nella stabilizzazione del clima mondiale e nella protezione delle comunità costiere.

Negli ultimi decenni, le foreste di mangrovie di tutto il mondo sono state gravemente decimate, e l’espansione dell’allevamento di gamberi è una delle ragioni. Tuttavia, l’allevamento di gamberi - come principale attività economica nelle aree di mangrovie - ha anche il potenziale unico di promuovere significativamente la protezione e il restauro delle mangrovie.

Il progetto ”Acquacoltura sostenibile negli ecosistemi di mangrovie” mira a promuovere la progettazione sostenibile dei sistemi di acquacoltura incentrandosi sulla protezione delle mangrovie e sul miglioramento delle condizioni di vita locali. Global Nature Fund (coordinatore del progetto) e Naturland e.V. stanno lavorando insieme in un consorzio e in stretta collaborazione con due partner di progetto locali selezionati. Il progetto è finanziato dal Ministero federale tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo (BMZ).
Gran parte delle misure del progetto verranno attuate nelle Sundarbans, dove la più grande foresta di mangrovie del mondo si estende su una superficie di 10.000 km² nello stato federale del Bengala occidentale in India e nella divisione di Khulna in Bangladesh. I due partner locali del progetto sono la Bangladesh Environment and Development Society (BEDS) e la Nature Environment & Wildlife Society of India (NEWS). Il progetto mira a creare solide reti di comunicazione

Fin dalla fine degli anni ’90, la protezione delle mangrovie è stata un punto centrale trattato dalla certificazione biologica del gambero Naturland. Gli standard di Naturland, secondo i diversi paesi e regioni, stabiliscono zone protette e obblighi di rigenerazione. Inoltre, i protocolli di allevamento biologico dei gamberi prevengono gli effetti negativi sugli ecosistemi circostanti, ad esempio vietando completamente gli antibiotici e stabilendo regolazioni delle densità di allevamento. Dopo il primo progetto pilota di gamberi biologici al mondo in Ecuador, il concetto si è diffuso con successo in altri paesi dell’America Latina e del sud-est asiatico. Alla fine, il regolamento biologico dell’UE si è basato su questo lavoro preliminare. Oggi, i gamberi biologici sono una parte integrante della gamma di prodotti di mare biologici.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

L'obiettivo generale del progetto è quello di consolidare la comunicazione e l'interazione sui temi della conservazione delle mangrovie e della sostenibilità nel settore dell'acquacoltura. Questo progetto si basa sul concetto del cosiddetto partenariato multi-stakeholder (MSP) tra India, Bangladesh e Germania.

Il progetto si configura come un processo trasformativo a lungo termine che coinvolge la società civile, il settore privato e gli attori scientifici e pubblici. Il progetto si concentra in particolare sull'instaurazione di un dialogo Sud-Sud e Nord-Sud.

Naturland si impegna nel rafforzamento delle capacità e nello sviluppo del Piano d'Azione per la Biodiversità attraverso la fornitura di input scientifici e tecnici sull'acquacoltura, la progettazione e l'implementazione di attività di formazione per i promotori locali del progetto e per il gruppo target e la guida di partner di cooperazione esterni.


Finanziamento


© Header Image: Timothy K/unsplash.com