Organic News
Prospettive

Commento dell'ospite:

"Consumatori e consumatrici sono consapevoli dei vantaggi degli alimenti biologici”

È con grande successo che Marcus Wewer continua a darsi da fare per riempire gli scaffali dei supermercati REWE di prodotti Naturland e biologici, mentre Armin Valet, che si occupa di tutela dei consumatori, osserva con occhio critico l’offerta di prodotti nei negozi di alimentari al dettaglio. Naturland ha chiesto a entrambi la loro opinione - e quella della loro clientela - sugli ultimi sviluppi degli alimenti bio.

Naturland: Qual è il ruolo degli alimenti bio nelle vostre decisioni e sui vostri scaffali? E in che modo sono cambiati i comportamenti di consumo del biologico a seguito di questa grave crisi?

Armin Valet: Il nostro ambito di lavoro comprende anche gli alimenti biologici. Le persone hanno sempre delle domande, spesso anche piuttosto scomode.

Gli alimenti biologici hanno una buona immagine nella mente delle persone, ma anche queste sono messi in discussione in tempi di crisi. Quello che osserviamo è che molta gente non vuole rinunciare a comprare alimenti biologici, ma sicuramente cerca dove può trovarli ai prezzi più economici.

Marcus Wewer: I prodotti biologici sono ancora un mercato in crescita. Tematiche come il clima, la salvaguardia del suolo e la protezione delle acque, così come la biodiversità, i residui dei fitofarmaci e il benessere animale continuano ad avere grande valore nella nostra società. Le novità sono i dubbi sulla sovranità alimentare, la dipendenza dalle importazioni, la sicurezza alimentare globale e ovviamente l’immenso consumo di energia dei fertilizzanti azotati sintetici. Si tratta di argomenti per i quali il biologico ha le risposte migliori. Dopo le incertezze legate alla guerra e all’inflazione nella prima parte del 2022, l’acquisto di prodotti biologici si è imposto di nuovo alla fine dell’estate.

Tuttavia si avverte anche che chi fa la spesa cerca alternative dai prezzi convenienti. All’interno del segmento bio, il nostro marchio REWE Bio sta avendo un’ottima crescita. Ovviamente ne siamo felici e questo ci spinge ad aumentare il nostro impegno per sviluppare ancora di più questo marchio.

Naturland: Quali sono le domande che ricevete più spesso da chi acquista o consuma alimenti biologici?

Marcus Wewer: Le richieste principali riguardano la qualità del biologico, l’origine e la provenienza delle materie prime, gli imballaggi e la divisione tra biologico e tradizionale. A queste si aggiungono a volte anche domande molto specifiche su tematiche che circolano sui media in un dato momento. Quando si tratta di domande sulla qualità del biologico, abbiamo notato una maggiore attenzione per i prodotti delle associazioni private di produttori. Può essere che si tratti di una clientela recente di REWE che però acquistava già prodotti biologici. Si mettono in discussione anche lo standard del biologico e il motivo per cui alcuni articoli bio REWE hanno il marchio Naturland e altri no. A questo si accompagnano spesso domande su origine e regionalità. Per esempio, come fa un ananas a essere biologico se viene dall’Ecuador?

Per quanto riguarda gli imballaggi, la classica domanda che ci viene fatta è quale sia il senso di avere due cotolette biologiche preconfezionate e perché non abbiamo carne biologica a banco.

Alle persone interessa anche come stabiliamo - in quanto fornitori di linee complete - la suddivisione della merce tra alimenti bio e tradizionali a livello di acquisti, disposizione e offerta nel supermercato.

Invece per le domande specifiche abbiamo ad esempio l’allevamento dei vitelli per le vacche da latte - rigorosamente insieme alla madre - o l’etilene contenuto nelle farina di semi di carrube.

Armin Valet: Molti consumatori e consumatrici sono consapevoli dei vantaggi degli alimenti biologici. Normalmente da noi questa clientela non fa domande. Ovviamente ci arrivano soprattutto le domande che sottendono una critica: perché questo prodotto biologico ha così tanta plastica nell’imballaggio? Perché i broccoli surgelati biologici possono provenire dall’Ecuador?

Naturland: L’agricoltura biologica ha fatto il suo ingresso proponendo di produrre e lavorare gli alimenti in modo più trasparente e sostenibile. In che modo voi e la vostra clientela percepite il ruolo delle aziende biologiche e delle vostre associazioni per il biologico?

Armin Valet: Anche chi consuma i prodotti ha una percezione del biologico come più trasparente e sostenibile. Ma in questo modo aumentano anche le richieste su alimenti e comunicazione. Le aspettative delle persone sono molto alte, a volte proprio come le delusioni se queste aspettative non sono rispettate. Perciò riteniamo che siano soprattutto le associazioni di produttori a dover mettere in luce il contesto intorno al tema del biologico con chiarezza e intraprendenza.

Marcus Wewer: La nostra clientela si aspetta una qualità del biologico che ha sempre avuto uno standard elevato. Tutto inizia con l’agricoltura. Tutte le aziende di Naturland sono passate completamente all’agricoltura biologica, e non solo in Germania. Si tratta di un fattore molto importante nella comunicazione con chi ci sceglie. Siamo molto felici che produttori ormai affermati nel settore del biologico producano per il nostro marchio REWE Bio. E siamo ancora più felici se dichiarano con orgoglio il nome della propria azienda invece di fondare appositamente un’impresa di distribuzione.

Naturland: La vostra clientela fa una distinzione tra biologico e biologico certificato dalle associazioni? E qual è il ruolo che queste associazioni svolgono per voi?

Marcus Wewer: REWE Bio e Naturland sono un esempio importante di co-branding. E, come già detto nella risposta sulle domande di chi consuma bio, le persone che comprano da noi ci fanno caso. Naturland garantisce qualità di alto livello e la nostra clientela se n’è accorta. Soprattutto per gli alimenti bio di origine animale, dove la provenienza svolge un ruolo molto importante, Naturland rappresenta un punto di forza. Le associazioni per il biologico sono indispensabili per continuare a promuovere lo sviluppo dell’agricoltura sostenibile in Germania!

Armin Valet: Sì, informiamo sempre chi consuma i nostri prodotti sulle differenze tra i requisiti per il biologico certificato dall’UE e quello delle associazioni di produttori.

Ci sono scenari diversi. Molte persone, che sono anche piuttosto esperte, conoscono tutto nel dettaglio e sono addirittura al corrente delle differenze tra biologico certificato dall’UE e quello delle associazioni di produttori. Per molte altre invece no: “biologico” è “biologico” e basta.

Naturland: Crisi energetica, problemi di approvvigionamento e, un po’ ovunque, prezzi in aumento. Quali sviluppi prevedete per il biologico? In futuro il bio avrà un ruolo più importante nei discount?

Armin Valet:  Anche prima della crisi il biologico andava forte nei discount, quindi supponiamo che anche in questo periodo difficile le loro quote di prodotti bio non faranno altro che aumentare. Ma è importante che continuino a esserci anche i piccoli negozi bio specializzati e che ci sia un equilibrio. Purtroppo con la crisi vediamo una tendenza negativa: si osserva chiaramente che i negozi bio stanno perdendo clienti. Ma i piccoli esercizi del biologico sono essenziali perché contribuiscono a una pluralità dell’offerta e danno maggiore risalto ad aspetti importanti del biologico, come il sostegno ai piccoli produttori locali. Quindi offrono dei veri e propri vantaggi rispetto al biologico dei discount. E questo si riflette sui prezzi.

Marcus Wewer: Per avere un futuro, il mercato del biologico deve far conoscere chiaramente i suoi pregi in fatto di clima, efficienza energetica, tipicità, biodiversità, benessere animale e tante altre tematiche. Il compito del governo tedesco è dare massima visibilità all’obiettivo di raggiungere il 30% di terreni agricoli biologici. Ma anche le associazioni di produttori biologici non devono trascurare le pubbliche relazioni e l’educazione di chi consuma i prodotti. Così cresceranno tutte le forme di commercializzazione: commercio specializzato, vendita diretta dei produttori, commercio alimentare al dettaglio, farmacie e discount. Ogni forma di commercializzazione deve conoscere e utilizzare i propri punti di forza per portare a sé la clientela.

Naturland: Ci sono degli obiettivi legati agli alimenti biologici che vorreste raggiungere nei prossimi anni?

Armin Valet: In realtà si tratta piuttosto di temi che non hanno un rapporto diretto con il biologico: La sostenibilità, ma anche l’ingegneria genetica, un settore dove vediamo un gran bisogno di informazioni. Non bisogna permettere che l’ingegneria genetica arrivi di soppiatto nei supermercati attraverso un improvviso allentamento dei requisiti di etichettatura.

Marcus Wewer: REWE assumerà un ruolo di guida per quanto riguarda i prodotti bio in Germania e quindi si farà carico anche della responsabilità di sviluppare l’agricoltura biologica.

Naturland: Secondo voi, dove dovrebbe migliorare il settore del biologico in futuro? 

Marcus Wewer: Nel condurre la discussione nella società: affrontare le questioni del clima, della biodiversità e del benessere animale in modo tale che l’agricoltura biologica sia la risposta e la soluzione.

Armin Valet: Rafforzare le proprie competenze chiave: regionalità, trasparenza e comunicazione onesta, oltre a prendere sul serio chi consuma prodotti bio e ha delle domande. Questa è la priorità che si dovrebbe avere, non la crescita a ogni costo.

Questo testo è una traduzione. Non si garantisce la correttezza del testo.


Le interviste sono state condotte da Markus Pfeuffer e Ralf Alsfeld che fanno parte di Naturland e.V.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. and Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


I PARTNER DELL'INTERVISTA

Armin Valet, che si occupa di tutela dei consumatori (a sinistra, fonte: Karin_Gerdes) e Marcus Wewer (diritto, fonte: BÖLW) di Rewe, una grande catena di supermercati tedesca.